News


T4i, in convenzione con l'Università degli Studi di Padova – Dipartimento di Ingegneria Industriale partecipa alla realizzazione del Progetto

 

“Studio di antenne di plasma per le reti di nuova generazione”

codice: 2105/201/5/1148/2013 Cod. CUP C91E13000300006 nell’ambito del Programma Operativo FSE 2007-2013, Asse Capitale Umano, (Delibera della Giunta Regionale della Regione del Veneto n. 1148 del 05/07/2013 e DDR. di approvazione del Dirigente Direzione Istruzione n. 456 del 17/12/2013.

T4i accoglie un assegnista nella propria sede fornendo supporto per la sua attività di ricerca:

Antenne al Plasma Elettronicamente Riconfigurabili

 

 

 

 

Un’antenna al plasma allo stato gassoso è costituita da una scarica di plasma confinata da un tubo di dielettrico, all’interno del quale il plasma, quando acceso, si comporta come un conduttore. Una volta accceso il plasma ed eccitato con un segnale, la cui frequenza è strettamente inferiore alla frequenza propria di plasma, un’antenna al plasma può trasmettere e ricevere onde ElettroMagnetiche (EM) proprio come una comune antenna metallica. Tuttavia, le antenne al plasma hanno potenziali vantaggi rispetto a quelle metalliche, quali: (i) possono essere riconfigurate in frequenza di trasmissione/ricezione, guadagno e ampiezza di fascio, (ii) sono riconfigurabili elettronicamente piuttosto che meccanicamente con tempi caratteristici dell’ordine di milli-/micro-secondi, (iii) sono “trasparenti” a onde EM incidenti di frequenza superiore a quella propria di plasma, (iv) poiché le antenne al plasma che operano a diverse frequenze permettono bassi livelli di interferenza diverse antenne al plasma possono essere posizionate vicine tra loro per creare configurazioni complesse.

 

Un insieme di antenne al plasma e di antenne metalliche è definito una schiera di antenne al plasma.
Un’antenna al plasma intelligente si basa su una schiera di antenne al plasma dotata di un algoritmo per la gestione dei segnali; ne conseguono quindi, capacità incrementate rispetto alle schiere di antenne al plasma, in termini di (i) identificazione della direzione di provenienza di un segnale, (ii) il tracciamento e l’indirizzamento del lobo di radiazione principale di un bersaglio mobile, (iii) spostamento del fascio nella direzione di interesse minimizzando, al tempo stesso, le interferenze.

 

RadiationSolidtraspPAA_3h